Auto usata: meglio comprarla dal concessionario o dal privato?

Comprare un’ auto usata mette il cliente davanti ad una scelta fondamentale: meglio rivolgersi ad un concessionario, spendendo di più ma avendo delle garanzie, o meglio optare per un privato, risparmiando sul prezzo ma anche che sulle tutele?

auto usata

 Anche nel 2014 gli italiani hanno acquistato più auto usate che nuove, il dato ACI – Auto Trend evidenzia 2.561.146 passaggi di proprietà contro 1.376.219 nuove immatricolazioni, un rapporto di quasi 2 vetture usate vendute ogni auto nuova immatricolata che rispecchia il trend degli ultimi tre anni.

Dunque, complice anche la crisi, gli italiani preferiscono acquistare una vettura d’occasione, ma dove l’acquistano?
Il dato è sorprendente: nel 2013 solo il 40% di automobilisti ha acquistato un’ auto usata da un operatore professionista (concessionario o salone multimarca), mentre il 60% ha preferito rivolgersi direttamente ad un privato.

Il motivo principale è la convinzione di poter risparmiare.
In effetti un privato che vuole vendere la propria vettura deve proporla ad un prezzo più basso rispetto ad una analoga in vendita presso un concessionario, ma da cosa è generata questa differenza?

Un venditore professionista (concessionario o multimarca) è innanzitutto un operatore commerciale e deve trarre profitto dalla propria attività.
Deve poi rispettare le leggi che regolano la vendita di beni di consumo.
La “rivoluzione” iniziata con la Direttiva Europa 44/99, proseguita con il D.Lgs. 24/2002 (Garanzia Legale) e D.Lgs. 206/2005 (Codice del Consumo) e affinata con i relativi aggiornamenti (l’ultimo con il D.Lgs. 21/2014 che recepisce la Direttiva Europea sui diritti dei Consumatori) impone ai rivenditori professionisti il rispetto delle pratiche commerciali (vietando quelle scorrette o vessatorie), ne descrive precisamente le responsabilità e li obbliga a prestare la Garanzia Legale per 24 mesi.
In sostanza, tutela l’acquirente consumatore dai rischi di venir truffato o di comprare una vettura difettosa.

E i privati?
Un venditore privato non è obbligato a rispettare le leggi che regolano la vendita di beni di consumo.
Quindi, se acquistate un auto privatamente e riscontrate in seguito delle anomalie, non potrete rifarvi sul precedente proprietario, a meno che non siano riferite ad un’illecita provenienza della vettura.

Resta un’ultima domanda: come mai il 60% continua a preferire il privato al concessionario?
Probabilmente perchè i venditori di auto usate ispirano ancora meno fiducia del privato, e quindi si preferisce risparmiare subito sul prezzo incrociando le dita per il futuro.

Se volete sapere come tutelarvi in caso di acquisto di un’ auto usata continuate a seguirci, nei prossimi articoli parleremo anche della Garanzia obbligatoria.