Mazda CX-5, SUV sportivo con tanta qualità

CX-5 propone uno stile dinamico e personale secondo lo stile Kodo di casa Mazda. Abbiamo provato la versione 2.2 Skyactive-D Exceed AWD con il motore diesel da 175 cavalli

CX-5

Mazda CX-5 è il SUV “grande” della casa di Hiroshima, nato con l’ambizione (neppure tanto velata) di combattere ad armi pari con i “soliti” primi della classe tedeschi e per questo dotato di contenuti tecnologici e di stile di assoluto livello.

Un po’ tutto il rinnovamento della gamma Mazda è stato orientato ad aumentare nettamente il posizionamento del brand puntando verso il premium, un “rinascimento” fortemente voluto e perseguito che ha dato luce a prodotti come CX-5, da noi provato nella sua versione più ricca, la Exceed con il motore turbodiesel in versione 175 cavalli, la più potente e dotata di trazione integrale AWD.

Esterni e corpo vettura

La linea esterna si ispira alla filosofia Kodo – Soul of Motionche punta su un design fortemente emozionale ottimamente esaltato dal colore metallizzato Soul Red Metallic.

CX-5

La grande calandra anteriore trapezoidale, una specie di bocca spalancata sulla strada, è incorniciata dai fari full LED adattivi (adattano il fascio luminoso e la relativa intensità in modo da non abbagliare le altre auto) che si estendono fin sui parafanghi, muscolosi quanto basta a dare il “movimento” alla fiancata senza appesantirla eccessivamente.
La coda è alta, a sottolineare ulteriormente la sportività della vettura, con lo spoiler ad incorniciare il lunotto.

CX-5

Mazda CX-5 misura 4,55 metri di lunghezza, 1,84 metri di larghezza e 1 metro e 67 centimetri di altezza.

Meccanica

Sotto il cofano pulsa un 4 cilindri turbodiesel da 2,2 litri, una scelta un po’ controcorrente in un momento in cui i costruttori di auto puntano al downsizing delle cilindrate, il motore è dotato della Skyactiv Tecnology volta ad offrire motori potenti ma leggeri, efficienti e con basse emissioni inquinanti.

CX-5

La CX-5 in prova era equipaggiata con la versione da 175 cavalli del motore 2,2 litri, l’altra disponibile è da 150 cavalli. La potenza massima viene raggiunta a 4.500 giri/min mentre la coppia massima, ben 420 Nm è disponibile già a 2.000 giri.

Ritroviamo la filosofia Skyactive anche nel telaio, più rigido e leggero del precedente, abbinato a sospensioni MacPherson anteriori e Multilink posteriori, in perfetta sintonia con l’indole del motore.

2015_mazda_cx5_technical_15_skyactiv_body

La trasmissione, in questo caso, è affidata al cambio automatico-sequenziale Skyactiv-Drive a sei rapporti, preciso e veloce nelle cambiate tanto da far rimpiangere la versione manuale.

Interni

In Mazda si sono posti l’obiettivo di rivaleggiare con i brand Premium e si vede; il primo impatto con l’abitacolo è appagante: sportivo, lussuoso e ben rifinito.
La plancia è molto bella e si apprezza sia la qualità dei materiali che l’assemblaggio, rifiniture di alto livello che trasmettono una sensazione di solidità da best in class.

CX-5

La consolle centrale ospita in alto il display multifunzione del Mazda Connect che gestisce radio, navigatore, lettore multimediale e le tante informazioni/regolazioni dell’auto, è touchscreen ma è molto più comodo pilotarlo dal manopolone sul tunnel centrale.
Subito sotto c’è il climatizzatore automatico bizona, efficace sia nel raffreddare che nel riscaldare l’abitacolo.

CX-5

I sedili sono rivestiti in pelle chiara traforata (optional) , quelli anteriori sono molto ben profilati e in grado di contenere il busto anche in curva, risultando comunque comodi nei viaggi più lunghi anche grazie all’ampia possibilità di regolazione (elettrica) e al riscaldamento integrato.

Si sta comodi anche sul divano posteriore, lo spazio non è abbondantissimo ma due adulti e un ragazzo viaggiano comodi e nell’atmosfera ovattata dell’abitacolo, ben insonorizzato anche alle alte velocità.
Il tetto apribile elettrico, anche se non particolarmente ampio, contribuisce a dare “ariosità” all’abitacolo.

dsc01370

Il bagagliaio è veramente capiente, 500 litri ampliabili abbattendo i sedili posteriori semplicemente tirando la l’apposita leva (sistema Karakuri).

Sicurezza

L’elevato contenuto tecnologico presente su Mazda CX-5 è evidente nell’ampia dotazione di sicurezza dell’auto.
Cuore di tutto è il sistema i-Activsense, che utilizza i vari dispositivi per supportare il guidatore avvertendolo dei rischi, prevenendo situazioni di pericolo e riducendo i danni in caso d’impatto.

CX-5

Il Mazda Radar Cruise Control (MRCC) utilizza i sensori radar per impostare e mantenere la velocità di crociera, inoltre lavora in sincrono con il Sistema di Monitoraggio Angoli Ciechi (BSM) per avvertire il conducente della presenza di un’auto nella zona non visibile dello specchietto e con lo Smart City Brake Support che riduce il rischio collisione attivando la frenata automatica in caso di ostacoli.

CX-5

Grazie ad una telecamera anteriore, l’Assistenza al Mantenimento di Corsia (LKD) avverte del superamento della linea di carreggiata ed agisce sullo sterzo per correggere la traiettoria, mentre l’Allarme Ostacoli in Retromarcia (RCTA) avvisa di ostacoli durante la manovra.
Come già detto, i fari anteriori full LED si adattano automaticamente alle condizioni di luce esterna e evitano di abbagliare gli altri veicoli.

Su strada

Avviamo il motore con il pulsante Start sulla plancia per vedere come va su strada la Mazda CX-5.
La prima cosa che colpisce è lo sterzo, molto diretto e ben assecondato dai pneumatici 225/55 montati su cerchi da 19″ si rivela piacevole sia nella guida cittadina che nei tratti extraurbani.

Il motore gira pieno e rotondo, in città rimane tranquillo ed è un piacere apprezzare la fluidità del cambio automatico, così dolce nelle cambiate. Gli ingombri non sono “monstre” e difficilmente mettono in difficoltà, l’assetto è più rigido rispetto ad altri SUV e si sentono maggiormente lo sconnesso e le buche che caratterizzano le nostre città.
In questo contesto si riescono a percorrere 13 km/l senza particolari sforzi grazie anche all’iStop che spegne il motore durante le soste, ma per attivarlo bisogna esercitare una pressione davvero notevole sul pedale del freno, forse eccessiva tanto che la semplice pressione della sosta-semaforo non è sufficiente.

CX-5

In extraurbano la CX-5 tira fuori gli artigli e mette in mostra tutta la sua grinta.
Il motore spinge forte fin da bassi regimi e il cambio automatico allunga i rapporti ma rimane talmente rapido e preciso da farci dimenticare la modalità “sequenziale”, utile tuttavia nelle lunghe discese montane per non affaticare troppoi freni.
I freni rimangono potenti e modulabili anche nell’uso intenso nonostante la tonnellata e mezza di peso, grazie all’assetto rigido beccheggio e rollio sono molto meno evidenti rispetto ad altri SUV e confermano la vocazione più stradale che off road di questa Mazda, che in autostrada si rivela una passista comoda e appagante.
Consumi fuori città da 19 km/l.

CX-5

La trazione integrale AWD si rivela un ottimo aiuto nel controllo dell’auto in situazione di perdita di aderenza o su fondi difficili, contribuendo a quel gran senso di sicurezza che questa CX-5 infonde.

Prezzo

La Mazda CX-5 2.2 Skyactiv-D Exceed AWD della prova, equipaggiata con tutti gli optional disponibili (Vernice Metallizzata premium, Cambio Automatico Skyactive-Drive 6AT, Cruise Pack  e Leather Pack + Tetto Apribile) ha un prezzo di listino di 41.250 euro, non pochi ma ampiamente giustificati dai contenuti tecnologici dell’auto e dalla qualità complessiva.

[ Andrea Tartaglia