La Nissan Leaf che guida da sola

Nissan e NASA insieme stanno preparando la nuova sfida alla mobilità del futuro sulla base di una Nissan Leaf. Le auto guideranno da sole entro il 2020, ad assicurarlo sono Nissan e la Nasa che dopo un recente accordo hanno predisposto un team congiunto della durata di 5 anni che si occuperà di ricerca, sviluppo e realizzazione di sistemi di guida autonomi.

I ricercatori del Silicon Valley Research Center di Nissan e quelli dell’Ames Research Center della NASA di Moffett Field, in California, si concentreranno sui sistemi di guida autonoma, soluzioni di interfaccia uomo-macchina, applicazioni basate sulla rete e software di analisi e verifica, utilizzando i più sofisticati hardware e software utilizzati per applicazione nella mobilità e nello spazio.

Presso il centro Ames, il team effettuerà dei test prevalentemente su auto ad emissioni zero come la Nissan Leaf. Le tecnologie testate saranno quelle da remoto per il controllo di mezzi destinati al trasporto di materiali, merci, carichi e persone.

Si tratta di un settore non nuovo per la Nasa che intende replicare alcuni test predisposti per i rover planetari da una stazione di controllo. Il primo veicolo di questa flotta sarà pronto per iniziare i test nella sede NASA entro la fine dell’anno.

Nissan si spinge oltre e parla addirittura di commercializzazione di veicoli autonomi già entro il 2020 capaci di affrontare quasi tutte le situazioni, compresa la guida urbana.

La Nasa potrà avvalersi delle innovative tecnologie di Nissan per la componentistica dei veicoli autonomi, grazie alla condivisione delle ricerche sullo sviluppo delle applicazioni e dei prototipi dei sistemi per i test del software robotico.