Test drive Suzuki, 100% cambio automatico

Il cambio automatico in Italia non è ancora apprezzato come dovrebbe, eppure il primo brevetto di tale dispositivo venne depositato nel 1931 da Elio Trenta di Città della Pieve.
Mentre è considerato un optional ormai indispensabile su auto di segmento “premium”, la sua diffusione nei segmenti più piccoli, dalle city-car alle compatte, è ancora limitata, sia per alcuni luoghi comuni ormai superati, sia perchè il prezzo talvolta risulta elevato.
gamma Suzuki cambio automatico
In Italia, la percentuale di auto con cambio automatico vendute annualmente è circa il 7%, purtroppo il dato Unrae è fermo al 2013 e non tiene conto delle auto equipaggiate con cambio robotizzato.
Sono poche le Case automobilistiche che possono vantare la disponibilità del cambio automatico sull’intera gamma. Tra queste c’è Suzuki, che in Italia e noi abbiamo provato la gamma del costruttore giapponese.

Come tutti i costruttori giapponesi, Suzuki ha uno stretto legame con il cambio automatico, nel paese del Sol Levante è il cambio manuale ad essere considerata un’eccezione, un optional di lusso riservato alle auto sportive.
I giapponesi prevedono addirittura due tipologie di patenti: una esclusivamente per il cambio automatico (scelta dal 56% degli automobilisti) e una che consente di condurre auto con cambio automatico e con cambio manuale (44% degli automobilisti giapponesi).
Complessivamente, l’89% dei giapponesi utilizza automobili con cambio automatico (fonte Suzuki Italia).

Allora vediamo da vicino la gamma automatica Suzuki:
suzuki cambio automatico

  • Celerio, la piccola di famiglia equipaggiata con il cambio robotizzato a 5 marce AGS con funzione Kreeping (l’avanzamento lento molto utile nelle manovre), abbinato al motore 1.0 3 cilindri.
  • Swift, la compatta 5 porte equipaggiata con il cambio automatico a convertitore di coppia a 4 marce più Overdrive e Lock Up (la possibilità di limitare l’uso alle marce basse, molto utile in salita o discesa), abbinato al motore 1.2 4 cilindri.
  • Jimny, l’inossidabile fuoristrada compatto equipaggiato con lo stesso cambio automatico con convertitore di coppia che equipaggia la Swift, abbinato al motore da 1.3 litri.
  • S-Cross, la crossover che monta, a seconda del motore, o il cambio automatico a variazione continua CVT a 7 rapporti (abbinato al motore 1.6 benzina con 2 ruote motrici) oppure il doppia frizione a 6 rapporti (abbinato al motore 1.6 diesel con 4 ruote motrici).
  • Vitara, la Suv di casa Suzuki equipaggiata o con l‘automatico con convertitore di coppia e funzione Lock Up (abbinato ai motori benzina 1.6 aspirato e 1.4 turbo) o con il doppia frizione a 6 rapporti che equipaggia la motorizzazione 1.6 diesel.

Tutti le tipologie di cambio automatico che equipaggiano la gamma Suzuki prevedono la gestione elettronica e la possibilità del doppio utilizzo: completamente automatica oppure a gestione manuale della scelta del rapporto.

Come vanno su strada le Suzuki automatiche?
Abbiamo avuto la possibilità di provare l’intera gamma a Torino, un percorso misto nel traffico con una “sgambata” sulle strade collinari.
suzuki celerio cambio automatico

Partiamo dalla piccola Celerio: il robotizzato 5 marce è di fatto normale cambio meccanico con un attuatore idraulico che manovra la frizione, quindi si avverte il passaggio di marcia e il momentaneo “stacco” della frizione come avverrebbe guidando una vettura manuale.
Nel traffico è rilassante e i cambi di marcia sono abbastanza veloci. Comoda la funzione Kreeping, che fa avanzare lentamente l’auto e semplifica le manovre nello stretto.
Prezzo di listino a partire da 11.190,00 euro per la versione Easy.

La Swift conferma la suo vocazione dinamica ma paga lo scotto di un cambio old style con sole 4 marce, anche se con overdrive.
Ne risultano penalizzati consumi, che crescono del 12% rispetto alla versione con cambio manuale, ma comunque la compatta Suzuki si muove con agilità nel traffico e risponde bene alla richiesta di potenza.
Anche qui, è prevista la possibilità di selezionare manualmente la marcia.
Prezzo di listino a partire da 15.950,00 euro per la versione 1.2 benzina B-Cool.

L’inossidabile Jimny è il piccolo fuoristrada più desiderato del mercato, che unisce la mobilità delle 4 ruote motrici (inseribili e con tanto di marce ridotte) alle dimensioni estremamente compatte.
Il cambio automatico a 4 marce (come la Swift) non ne stravolge le caratteristiche in fuoristrada, grazie anche alla funzione Lock Up che limita l’arco di utilizzo alle marce più basse, rendendo più facile affrontare salite o discese ripide senza dover ricorrere eccessivamente ai freni.
Prezzo di listino a partire da 18.900,00 euro per la versione Evolution.

La crossover S-Cross, a seconda del motore, può montare o il cambio automatico a doppia frizione o quello a variazione continua CVT.
La motorizzazione 1.6 benzina è abbinata al CVT, estremamente confortevole nella guida visto il movimento continuo della cinghia di trasmissione che provvede ad “aggiustare il rapporto in funzione della velocità.
E’ prevista comunque la possibilità dei selezionare manualmente il rapporto desiderato, tra i 7 previsti.
Prezzo di listino a partire da 25.650,00 per la versione benzina 2WD Plus.
suzuki vitara cambio automatico

Infine la Vitara, il Suv giunto alla quarta generazione che abbiamo provato sia in versione manuale (leggi qui la prova) che nella versione S (leggi qui la prova).
Abbiamo scelto la versione 1.6 diesel equipaggiata con cambio automatico a doppia frizione (di derivazione FCA), veloce e preciso nelle cambiate tanto da renderlo il più piacevole della prova.
Con la Vitara automatica abbiamo affrontato sia il traffico cittadino torinese sia i saliscendi collinari, dove si può scegliere la funzione manuale/sequenziale utilizzano di paddle dietro il volante per selezionare la marcia desiderata.
Il doppia frizione (una per le marce pari e una per le marce dispari) è veloce ma mai “violento” negli inserimenti, tanto che nel traffico è addirittura più godibile del CVT.
Ma è nel misto dà il meglio di se sfruttando appieno la coppa della Vitara.
Prezzo di listino a aprtire da 23.900,00 euro per la versione benzina 2WD V-Top.

Clicca qui per scoprire tutta la gamma Suzuki sul nostro configuratore.